Frode sul vino. Arresti, indagati e 12 milioni sequestrati. Tutti i NOMI

In corso ulteriori accertamenti da parte della Guardia di finanza di Caserta

CARINARO / SANT’ANTIMO – I militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Caserta, unitamente agli uomini dell’Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e della Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli Nord applicativa di 9 misure cautelari personali, di cui 4 arresti domiciliari e 5 obblighi di presentazione alla P.G..

Eseguito anche un sequestro preventivo di beni immobili, rapporti finanziari e partecipazioni societarie per oltre 12 milioni di euro.

soggetti destinatari dell’ordinanza sono gravemente indiziati di aver costituito e fatto parte di un’associazione per delinquere, con base operativa in provincia di Napoli, attiva nella commissione di plurimi reati tributari nonché nell’immissione illecita nel mercato nazionale di partite di zucchero, soprattutto di origine serba e slovena, commercializzate da una società con sede a Sant’Antimo (NA) e luogo di esercizio in Carinaro (CE), che le vendeva “in nero” a numerosi operatori nazionali del settore vitivinicolo per la sofisticazione dei loro prodotti.

TUTTI I NOMI DELLE PERSONE COINVOLTE:

Arresti domiciliari

Santo AIMONE 64enne Sant’Antimo
Vincenzo MORRONE 30enne Sant’Antimo
Fabio NICHELE 53enne Mason Vicentino (VI)
Michele GALOTTA 44enne Quadrelle (AV)

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Giovanni Andrea AIMONE 40enne Sant’Antimo
Giovanni AIMONE 33enne Sant’Antimo
Vincenzo BEVILACQUA 39enne Capaccio (SA)
Ilario Antonio DE PIRRO 50enne Nardò (LE)
Rocco Antonio CHETTA 64enne Taviano (LE)

Imprese coinvolte

CIB INDUSTRY Lequile (LE)
ADRIATICA VINI Corato (BA)
Agrisalento Copertino (LE)
SIDRITALY Pastorano
GRUPPO AM Sant’Antimo-Carinaro
IL BURRINO Aversa
I NOSTRI SAPORI – Melito
VALLOVIN Mazara del Vallo (TP)