58 indagati nella maxi truffa con assegni clonati. Casertano a capo dell’organizzazione

Poteva contare su una vasta rete di contatti con la malavita

Frignano – Sono ben 58 le persone indagate, 4 quelle destinatarie di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, 2 agli arresti domiciliari mentre altri 5 sono stati colpiti dalla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Si tratta dell’esito di una vasta inchiesta della Procura di Torino che ha scoperto un’associazione a delinquere finalizzata alla truffa che aveva la sua base in Campania ed il suo braccio operativo al Nord Italia.

Il capo dell’organizzazione sarebbe G.S., 55 anni, di Frignano, ritenuto l’uomo che materialmente avrebbe procurato gli assegni da clonare.

Grazie ad una rete di contatti con la malavita, li avrebbe sottratti dai circuiti postali oltre a coordinare le attività per negoziare i titoli, in almeno 71 casi.