EVASO PERICOLOSO CAMORRISTA. Il compagno di cella è in fin di vita

FROSINONE/RECALE – Alessandro Menditti di Recale reggente del clan locale, è evaso dal carcere di Frosinone. Insieme con lui anche il compagno di cella, il quale, però, nel tentativo di fuggire è precipitato da un altezza di 7 metri fratturandosi la spina dorsale.

Ora è in gravissime condizioni all’ospedale. Alessandro Menditti venne arrestato nel 2012 dalla squadra mobile di Caserta, ed è l’erede della famiglia camorristica dei “macellai”. Doveva scontare una pena fino al 2026.

E’ stata avviata una caccia all’uomo senza precedenti tra il Lazio e la Campania. Sembrerebbe che anche il Menditti sia rimasto ferito nel tentativo di fuggire dal carcere. Si tratta di una fuga dal classico televisivo, dopo aver tagliato le sbarre si sono calati con le lenzuola. Nelle tasche del giubbotto dell’altro fuggiasco gli agenti della polizia penitenziaria hanno trovato due telefoni cellulari, testimonianza di un aiuto esterno nel fuggire.