Evasione per 7 milioni di euro. Denunciati due Casertani titolari di ditte di pulizie

La società verificata dalla Guardia di Finanza di Sora aveva occultato gran parte dei redditi prodotti

CASERTA – Avevano trasferito la sede legale dalla Campania alla città di Sora, si tratta di una società di capitali attiva nel settore delle pulizie.

Secondo le indagini della guardia di finanza tale società ha perpetrato un’evasione fiscale per circa 7 milioni di euro.

Le operazioni ispettive eseguite dai militari della guardia di Finanza della Tenenza di Sora, sono scaturite da indagini di polizia giudiziaria svolte nei confronti di alcune società campane, successivamente trasferitesi nella città di Sora, che avevano omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi o che le avevano presentate con ricavi più bassi.

In particolare, la società verificata dalla Guardia di Finanza di Sora aveva occultato gran parte dei redditi prodotti, nonché omesso di esibire le scritture contabili, rendendo più complessa l’attività degli investigatori finalizzata alla ricostruzione del volume d’affari e dei redditi prodotti.

Ciò nonostante, attraverso l’esecuzione di numerosi controlli incrociati eseguiti presso i vari clienti e fornitori, nonché con l’ausilio delle banche dati fiscali, i finanzieri sono riusciti a quantificare, relativamente agli anni dal 2013 al 2017, una base imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi per circa 5,7 milioni di euro e violazioni all’IVA per circa 1,3 milioni di euro.

I due amministratori pro-tempore della società – un trentenne e un cinquantenne, originari della provincia di Caserta – sono stati segnalati alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di “occultamento delle scritture contabili” e “presentazione di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifizi”.