Scoperta discarica abusiva di rifiuti speciali a Mondragone, scatta il sequestro

I militari hanno proceduto al sequestro giudiziario del sito a carico di autori ignoti, per le ipotesi di reato connesse alla gestione illecita di rifiuti speciali

Immagine di repertorio

Mondragone – I Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Castel Volturno, presso un fondo agricolo privato sito in comune di Mondragone (CE), alla località “Pineta Nuova”, hanno rinvenuto un ingente quantitativo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi smaltiti illecitamente in maniera incontrollata sul nudo terreno.

L’area interessata dall’abbancamento dei rifiuti è risultata estesa su una superficie di circa 200mq con un’altezza media di circa 0,50 mt.

Da un’analisi visiva dello stato dei luoghi i militari hanno ipotizzato che detta situazione era connessa a pratiche illegali di smaltimento, continuate e ripetute nel corso del tempo, di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi che, per quantità o natura, sono riconducibili ad attività professionali e non: rifiuti derivanti da demolizione e disfacimenti edilizi; rifiuti tessili; plastica; pneumatici; vetro; vetroresina; ingombranti apparecchiature elettriche ed elettroniche RAEE.

Al fine di evitare la libera disponibilità dell’area in questione ed impedire la reiterazione delle condotte illecite, anche atteso che le condizioni di smaltimento avvenute in maniera incontrollata sul nudo terreno sono tali da determinare un possibile inconveniente igienico-sanitario e probabile fonte di inquinamento delle matrici ambientali, i predetti militari hanno proceduto al sequestro giudiziario del sito a carico di autori ignoti, per le ipotesi di reato connesse alla gestione illecita di rifiuti speciali e realizzazione di discarica non autorizzata.