Immagine di repertorio

Santa Maria Capua Vetere – “E’ completamente destituita di ogni fondamento la notizia riguardante due sanitari del carcere di Santa Maria Capua Vetere che, secondo alcuni organi di stampa, sarebbero risultati positivi al coronavirus.”

“Non abbiamo un solo caso sintomatico nell’istituto“. Lo sottolinea, Antonio Fullone, dirigente generale dell’amministrazione penitenziaria e provveditore regionale della Campania.

“Forse si tratta dello strascico di una notizia vera – aggiunge – ma risalente a un paio di settimane fa, che riguardava un medico e un infermiere del carcere. Una vicenda che al momento non ha avuto nessun tipo di conseguenza rispetto alla diffusione del virus. Il medico, inoltre, – sottolinea Fullone – ricopre funzioni amministrative. Al momento – ribadisce – non ci sono stati casi di positivita’ malgrado l’alto numero di tamponi eseguiti, tutti negativi, e quindi non risultano persone sintomatiche“.

“Il provveditorato – assicura Fullone – e’ a disposizione degli organi di informazione per qualsiasi chiarimento“.

“La notizia – spiega il dirigente – ha avuto un enorme contraccolpo emotivo nell’istituto. Tutti siamo ragionevolmente preoccupati, ma certe informazioni possono avere un effetto devastante. Il sistema di informazione delle carceri e’ stato potenziato proprio per tenere i detenuti al corrente su quanto sta succedendo all’esterno. Immaginate le preoccupazioni di chi e’ ristretto e delle loro famiglie davanti a notizie del genere. Quello carcerario e’ un contesto che non ha bisogno di tensioni inutili“.