Coronavirus. “Molti lidi potrebbero non aprire: costi troppo alti”

Tutte queste misure e i costi di allestimento, insomma, impedirebbero ai gestori di lidi di aprire le spiagge

Immagine di repertorio

Litorale Domizio – Molti balneari del litorale domizio potrebbero non aprire i battenti. Il presidente dell’Assobalneari Campania Antonio Cecoro, infatti, in una intervista al Corriere del Mezzogiorno ha spiegato.

Trovare un punto di equilibrio è impossibile: l’attività di ricezione è impossibile con la pandemia. Ci vorrebbe almeno un mese per allestire tutto e potrebbe non servire a nulla. Molti potrebbero non aprire”.

Costi elevati e incassi ridotti, autocertificazione con obbligo di dichiarare di non aver mai contratto il virus per entrare in spiaggia; mascherine obbligatorie; vietati giochi per bambini come paletti e secchielli; lettini solo su prenotazione e distanza di sicurezza di 4 metri quadrati.

Tutte queste misure e i costi di allestimento, insomma, impedirebbero ai gestori di lidi di aprire le spiagge.