Home Caserta Coronavirus. Altre 20 persone denunciate nel Casertano

Coronavirus. Altre 20 persone denunciate nel Casertano

I controlli e le verifiche sul rispetto delle regole proseguiranno fino alla revoca del decreto

Immagine di repertorio

CasertaControlli serrati in tutta la Provincia di Caserta da parte delle forze dell’ordine per verificare il rispetto del decreto per contrastare la diffusione del Coronavirus.

Gli agenti della Polizia Municipale di Caserta hanno denunciato questa mattina un cittadino di Casagiove di 66 anni, per violazione dell’articolo 650 del codice penale. L’uomo, fermato in via G.M.Bosco mentre era in auto, alla richiesta di giustificare la sua presenza in città, ha dichiarato di aver appena completato un prelievo di contanti presso uno sportello bancario automatico posto nelle vicinanze. Quando gli agenti gli hanno chiesto di provare quanto dichiarato, il 66enne ha consegnato loro la ricevuta del prelievo che riportava, però, la data di ieri. L’auto è stata sequestrata in quanto priva della revisione periodica.

Altre due denunce eseguite dai Carabinieri e dalla Polizia Municipale di Falciano del Massico, in un’operazione congiunta di controllo del territorio.

Situazione simile anche ad Aversa e Santa Maria Capua Vetere. Ad Aversa i vigili urbani guidati dal comandante Stefano Guarino hanno deferito in stato di libertà due persone. I due fermati provenivano uno da Francolise e l’altro da Frattamaggiore e si aggiravano per la città normanna senza un motivo.

Invece a Santa Maria Capua Vetere sono 6 le persone denunciate dalla polizia municipale per l’inosservanza delle disposizioni dell’Autorità. Tra i quali anche una coppia proveniente da Carinaro.

Altri due Casertani, un 36enne ed una 30enne, sono stati fermati nel centro di Cassino al momento del controllo hanno risposto di essersi recati in città per pranzare con un amico.

Altre tre persone sono state denunciate, questa mattina, dagli uomini della polizia municipale a bordo di una Fiat Marea che è stata sequestrata perché aveva una targa straniera. I tre soggetti, parenti tra loro, originari di Curti S. Maria C. V. e Grazzanise hanno giustificato la loro uscita dicendo che si stavano recando a comprare un pezzo per la lavatrice che si era rotta. Infine altre 4 le denunce e 1 chiusura per violazione delle disposizioni di legge nel comune di Casagiove.