Home Bellona Coronavirus. 2 casi positivi a Bellona, sono marito e moglie

Coronavirus. 2 casi positivi a Bellona, sono marito e moglie

"Al momento le persone interessate si trovano in isolamento domiciliare. Si rileva che i due cittadini non gestiscono nessuna Pizzeria e/o altra attività sul territorio Bellonese", afferma il sindaco di Bellona

Bellona / Vitulazio – Risultati del Coronavirus positivi per marito e moglie residenti nel comune di Bellona.

Per entrambi si attendono le contro-analisi dell’Istituto Superiore di Sanità che arriveranno in giornata. “Sono in isolamento domiciliare”, a dare conferma della positività dei tamponi è stato nella notte il sindaco di Bellona Filippo Abbate, tramite un messaggio sulla pagina ufficiale del Comune.

Due nostri concittadini, che hanno avuto contatti con persone provenienti dalla Lombardia, sono risultati positivi al primo test coronavirus (non ancora validato dall’Istituto Superiore di Sanità’). Il Sindaco insieme al Comandante della Stazione dei Carabinieri di Vitulazio, al servizio di Polizia Municipale ed in sinergia con il dipartimento Sanitario di competenza hanno immediatamente attivato, in via precauzionale, ogni procedura per ridurre il rischio di ogni nuovo contagio. Al momento le persone interessate si trovano in isolamento domiciliare. Si rileva che i due cittadini non gestiscono nessuna Pizzeria e/o altra attività sul territorio Bellonese”.

Chiusa l’attività commerciale a Vitulazio gestita dai due. Il sindaco Raffaele Russo: “In attesa di avere informazioni sull’esito definitivo dei test praticati ai due gestori del locale commerciale, risultati positivi alla prima verifica, abbiamo provveduto ad informare gli Enti preposti ad attuare le procedure di legge in ordine alla prevenzione ed al monitoraggio del Covid-19 – ha affermato il primo cittadino di Vitulazio – Il locale commerciale in questione è stato volontariamente chiuso dai titolari. Nel frattempo gli agenti della Polizia Municipale, rientrati in servizio nelle prime ore di oggi, hanno predisposto un piano di vigilanza attivo sulle persone che hanno prestato la loro opera all’interno dell’esercizio commerciale interessato alla vicenda ed informati dell’obbligo di auto-isolamento. Appena pervengono risultati definitivi provvederemo ad informare la cittadinanza”.