Coronavirus: 4 nuovi casi nel Casertano, c’è anche un guarito. I COMUNI

Si tratta dei comuni di San Cipriano d'Aversa, Casapesenna e Sparanise

Immagine di repertorio

Caserta4 nuovi casi di Coronavirus nella Provincia di Caserta, 3 dei quali riguardano l’Agro Aversano.

Undicesimo caso di coronavirus ufficializzato a San Cipriano d’Aversa dove il sindaco Vincenzo Caterino ha reso nota la seguente comunicazione: “Purtroppo devo ancora aggiornare la situazione del contagio sul nostro territorio. Dal bollettino ufficiale dell’ASL San Cipriano conta 11 casi di positività al Covid-19, dato destinato ad essere ulteriormente aggiornato in quanto il primo caso è ufficialmente guarito. L’attività screening dei contatti delle persone risultate positive nei giorni scorsi continua.

L’attività di monitoraggio è a pieno regime, attendiamo ancora il risultato di altri tamponi effettuati ai contatti dei positivi dei giorni scorsi e ai nostri concittadini che sono rientrati da altre regioni, vi terrò costantemente aggiornati sui risultati. Continuiamo ad usare la massima prudenza e tutti gli strumenti che abbiamo per contenere il contagio: evitiamo gli assembramenti, utilizziamo la mascherina, laviamo spesso le mani, manteniamo la distanza di sicurezza.

Crescono i contagi anche a Casapesenna. Il sindaco Marcello De Rosa fa sapere che: “Ho ricevuto la comunicazione di altri 2 casi positivi a Casapesenna rientrati dalla Sardegna. I casi salgono a 14. Continuiamo con L’ASL a lavorare per ricostruire i percorsi dei cittadini contagiati da Covid-19. Un abbraccio particolare all’amico Renato Natale Sindaco risultato positivo poche ore fa. Sei un grande guerriero e presto finirà tutto. A voi cari cittadini chiedo ancora tanta attenzione e responsabilità. Seguite le direttive del Ministero della Salute.”

Un cittadino di Sparanise è risultato positivo al tampone. Lo ha reso noto il sindaco Salvatore Martiello: “Con grande spirito di collaborazione insieme all’Asl e all’interessato, che non presenta sintomatologia, è stata ricostruita la catena dei contatti ai quali chiederò sia effettuato il tampone. Su 120 tamponi effettuati ad oggi, questo risulta essere il primo caso positivo“.

“Ricordo che fino all’esecuzione del tampone da parte dell’Asl o del decorso dei 14 giorni, persiste l’obbligo di quarantena per tutti i presenti alla serata del 13 agosto presso il Glitter Cafè incluso lo staff. L’esecuzione del test in strutture private non esime dal rispetto della quarantena. Non a caso il test rapido effettuato dal paziente era risultato negativo. Il non rispetto della quarantena o la mancata comunicazione al medico curante rappresentano una violazione di legge“.

“Sul punto mi appello alla coscienza e al senso di responsabilità dei genitori: se i vostri figli sono stati alla serata fate osservare l’isolamento fiduciario con richiesta del tampone da parte del medico“.