Maxi blitz dei Nas a Nord di Napoli. Sequestri e denunce

Controlli nei comuni di Qualiano, Sant'Antimo, Villaricca, Frattamaggiore. Sequestrati centinaia di chili di alimenti

Immagine di repertorio

Qualiano / Sant’Antimo / Villaricca / Frattamaggiore – Gli uomini dell’arma dei carabinieri, del reparto dei Nas, hanno eseguito diverse operazioni a Nord della Provincia di Napoli.

A Qualiano è stata sequestrata una nota pescheria. In via Campana i militari hanno proceduto ad effettuare un’ispezione igienico sanitaria. A conclusione delle operazioni hanno proceduto al sequestro amministrativo di 30 kg di molluschi e crostacei (lupini e gamberetti) poichè privi di qualsivoglia indicazione attraverso la quale poter risalire alle procedure e/o sistemi di tracciabilità alimentare. Contestualmente, sono state dettate prescrizioni alla parte per la rimozione di irregolarità rilevate sotto il profilo igienico sanitario.

A Sant’Antimo, invece, in piazza della Repubblica, presso un negozio di alimentari etnico i Carabinieri del NAS di Napoli, a conclusione di una verifica igienico-sanitaria, ha proceduto al sequestro giudiziario di kg. 200 circa di prodotti ittici, carnei e verdure, rinvenuti in cattivo stato di conservazione.

Nel medesimo contesto, gli operanti hanno proceduto a diffidare l’operatore settore alimentare al fine di eliminare le gravi carenze igienico/sanitarie/documentali riscontrate nel corso della verifica.

A Frattamaggiore, i Carabinieri del reparto Nas sono intervenuti in una scuola in via Pasquale Ianniello.

I Militari dell’Arma hanno sequestrato circa 17 kg di alimenti vari pronti per la somministrazione agli alunni del plesso scolastico. Il cibo è stato sequestrato perché violate le norme in materia di tracciabilità/rintracciabilità alimentare. Chiusa l’attività di somministrazione agli alunni per mancato inoltro della S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività – è la dichiarazione che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva, senza dover più attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti). E la non conformità strutturali della cucina che doveva servire gli alunni.

A Quarto, in via Marmolino, presso un panificio con annesso punto vendita procedevano al/alla:

1. sequestro amministrativo di kg. 170 circa di prodotti da forno, preparati per rosticceria e cibi pronti, privi di qualsiasi indicazione in grado di far risalire alle procedure e/o ai sistemi di tracciabilità/rintracciabilità alimentare;

2. chiusura igienico sanitaria di un locale deposito alimenti pertinenziale all’attività poichè riscontrato attivato in assenza di SCIA e con gravi carenze igienico sanitarie e strutturali;

3. prescrizione per l’eliminazione delle irregolarità documentali per il mancato aggiornamento dello stato dei luoghi rispetto ai locali registrati sanitariamente.

A Villaricca, viale Isernia, i militari del NAS nel corso di un controllo eseguito presso un deposito all’ingrosso di prodotti dolciari, hanno proceduto alla chiusura amministrativa immediata di detta attività, poichè esercitata in locali privi di qualsivoglia titolo autorizzativo, nonchè dei requisiti minimi igienico-sanitari e strutturali previsti dalla normativa comunitaria vigente.