Conflitto a fuoco con i Carabinieri. Ricercato di camorra in prognosi riservata

Immagine di repertorio

FORMIA / SANT’ANTIMO / GIUGLIANO – Durante la serata di ieri, intorno alle 21,00 nel centro di Formia è scoppiato un conflitto a fuoco durante un importante arresto di camorra.

Dalle informazioni rese note dalle autorità, i carabinieri della compagnia di Giugliano hanno rintracciato a Piazza Sant’Erasmo a Formia Filippo Ronga, 42 anni, ritenuto affiliato al clan camorristico dei Ranucci.

Quando sono intervenuti i militari il 42enne, in compagnia di un uomo ed una donna ha opposto resistenza, estraendo, al culmine di una colluttazione, una pistola semiautomatica 9×21 puntandola contro un carabiniere.

Un altro carabiniere, vista la situazione di pericolo, esplodeva tre colpi con l’arma d’ordinanza, colpendo Ronga al torace e a una gamba. L’uomo è ora in prognosi riservata all’ospedale di Formia, dove è piantonato e in stato di arresto per tentato omicidio, porto abusivo di arma clandestina e resistenza a pubblico ufficiale.

Ronga, ricercato dall’aprile 2013, è stato raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Avellino per una pena da espiare di 4 anni di reclusione per rapina e da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il medesimo reato.