Omicidio di camorra. Chiesti due ergastoli per la morte di Quadrano

Nei prossimi mesi la sentenza

SAN CIPRIANO D’AVERSA – Chieste le condanne, da parte del pubblico ministero al termine della requisitoria nel processo per l’omicidio di Giuseppe Quadrano.

Invocato l’ergastolo per Sebastiano Panaro e Francesco Schiavone “Cicciariello”; invece, chiesti 12 anni invece per Nicola Panaro, in quanto collaboratore di giustizia.

Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di omicidio, detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo aggravati dal metodo mafioso, con lo scopo di agevolare il clan dei casalesi.

L’indagine, avviata nel 2017 ha consentito di fare chiarezza sulla dinamica dell’omicidio di Quadrano Giuseppe, classe 1953, postino, cugino dell’omonimo collaboratore di giustizia, avvenuto il 7 luglio 1996.

Panaro Sebastiano era alla guida di una Fiat Punto, il quale condusse il commando in via Acquaro di San Cipriano d’Aversa davanti al bar “orientale”, dove furono esplosi 12 colpi calibro 9×21 contro la vittima.