Concorsi truccati nelle forze armate. 15 persone a rischio processo. I NOMI

Smascherato il trucco dell'algoritmo

MARCIANISE – La procura della Repubblica di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio per 15 persone coinvolte nella inchiesta sui concorsi truccati nelle forze dell’ordine.

Si tratta dell’indagine che ha portato alla luce il meccanismo dell’algoritmo. Sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti di corruzione, rivelazione del segreto d’ufficio e altri gravi reati commessi in relazione alle procedure afferenti il reclutamento di 2.013 Volontari in Ferma prefissata quadriennale per il 2016 nelle Forze Armate.

Tra le 15 persone a rischio processo troviamo Giuseppe Zarrillo, 54 anni originario di Marcianise, residente a Capodrise, ed attualmente detenuto.

Coinvolti anche Fabio Ametrano, 44 anni; Angelo Annunziato, 40 anni; Ciro Auricchio, 27 anni; Stefano Cuomo, 44 anni; Rocco D’Amelia, 30 anni; Massimo Di Palma, 50 anni; Giuseppe Claudio Fastampa, 55 anni (rappresentato dall’avvocato Pasquale Delisati); Ciro Fiore, 70 anni; Domenico Fiume, 60 anni; Francesco Interra, 28 anni; Luigi Masiello, 68 anni; Raffaele Russo, 50 anni; Claudio Testa, 51 anni; Sabato Vacchiano, 38 anni.