Cellulari in carcere. Detenuti incastrati durante un’ispezione

Presi seri provvedimenti disciplinari e penali

CARINOLA – Episodi come questi si sono verificati anche in altre case circondariali, ma in questo caso è accaduto in provincia di Caserta.

All’alba di un blitz eseguito dagli stessi agenti della polizia penitenziaria all’interno del carcere di Carinola, comune nella provincia di Caserta, sono stati rinvenuti due telefoni cellulari a disposizione di due detenuti per effettuare chiamate personali non autorizzate.

Nei confronti dei due carcerati sono stati presi seri provvedimenti disciplinari e penali.

Il responsabile del sindacato USPP, Ciro Auricchio, si complimenta con il comandante della polizia penitenziaria e con i suoi uomini, sottolineando che il fenomeno della presenza dei cellulari illeciti all’interno delle carceri sta aumentando e sta diventando davvero preoccupante, per questo motivo chiede un pugno più duro da parte dell’amministrazione carceraria, invocando una politica di trasferimenti urgenti per tutti i detenuti coinvolti in questa ormai prassi.