Massacrato di botte con una zappa. 2 anni all’aggressore

Attualmente è sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari nel Comune di Castel Volturno

Immagine di repertorio

Castel VolturnoFilippo Bencivenga è stato arrestato per il tentato omicidio del ghanese Johnny A., con la complicità del polacco senza fissa dimora Andrzey Duraz.

I due aggressori furono arrestati dai carabinieri di Castel Volturno nell’aprile scorso, dopo una serrata indagine da parte dei militari.

In base alla ricostruzione fatta dagli investigatori la vittima venne attirata con una scusa nell’appartamento dove si verificò poi l’aggressione. Fu colpita alla testa con una zappa e colpita con calci nelle gambe e al bacino, riducendolo in fin di vita.

Dopo più di 5 mesi tra carcere e domiciliari il Bencivenga, difeso dall’avvocato Ferdinando Letizia, ha optato per il rito abbreviato tenutosi il 2 ottobre, in tale sede si è costituita la parte civile, rappresentata dall’avvocato Luciano Fabozzi.

A seguito del giudizio il Gup del tribunale di S. Maria C. V., dott. Minio, ha condannato alla pena di anni due e due mesi di reclusione il Bencivenga, per lesioni gravi, oltre al pagamento delle spese processuali e di mantenimento in carcere.

In più ha condannato l’imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile, attribuendo anche una provvisionale immediatamente esecutiva di euro 7.500,00. Inoltre sarebbe stato accertato che la vittima dell’aggressione non risultava morosa nei confronti dell’imputato.

Filippo Bencivenga attualmente è sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari nel Comune di Castel Volturno.