Casoria. Morti due operai schiacciati da una parete in metallo

Sul posto i mezzi dei soccorsi e gli ispettori del lavoro per gli accertamenti del caso

CASORIA – Tragedia questa mattina in via Roma a Pieve Emanuele, in provincia di Milano, dove sono morti due operai di 47 e 55 anni schiacciati da una lastra in metallo che stavano spostando in un cantiere lungo i binari della ferrovia.

Entrambi lavoravano per una ditta di Casoria. L’incidente sul lavoro è avvenuto questa mattina, poco prima delle 11.30. La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta con l’ipotesi di reato di omicidio colposo.

Da una prima ricostruzione dei fatti i lavoratori di una ditta appaltatrice erano impegnati nella realizzazione di paratie divisorie tra i binari ferroviari e i vicini terreni agricoli.

Nello spostamento la lastra si è rovesciata, per cause ancora da accertare, ed ha travolto due di loro. Uno è morto sul colpo, l’altro è stato trasportato in ospedale in gravissime condizioni ed è deceduto poco dopo. Il terzo operaio è rimasto illeso.

La nota di Rfi:

Sono morti durante i lavori per la realizzazione di una recinzione nei pressi della fermata di Pieve Emanuele, fra Locate Triulzi e Villamaggiore”, spiega in una nota Rfi, rete ferroviaria italiana, riferendosi ai due operai. La nota prosegue esprimendo “il proprio cordoglio e la propria vicinanza ai familiari”. Le cause dell’incidente, si legge nella nota, “sono in corso di accertamento“.

Sono in corso i primi accertamenti da parte della Procura di Milano, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo.