Caserta. Sequestrate 1.650 bottiglie di passata di pomodoro

Comminate anche 3 sanzioni amministrative per 3.500 euro

Caserta – Nell’ambito dell’operazione “Sannio 1” sono stati eseguiti dai carabinieri per la Tutela agroalimentare controlli in Campania, nell’area storico-geografica del Sannio e zone limitrofe, al fine di monitorare la salubrità delle filiere agroalimentari del territorio.

La prima parte dell’attività ispettiva ha interessato aziende dedite alla produzione vitivinicola e conserviera del cosiddetto “oro rosso” e ha consentito, al reparto Carabinieri Tutela agroalimentare, Rac, di Salerno, di effettuare diversi sequestri.

In provincia di Caserta 1.650 bottiglie di passata di pomodoro, per oltre una tonnellata di prodotto, per mancata rintracciabilità; 1.100 vasetti di “Pomodorini del Piennolo del Vesuvio Dop”, per un ammontare di 400 kg,poichè munite di etichette non autorizzate dal relativo consorzio di tutela con contestuale diffida al titolare dell’industria conserviera di rietichettare il prodotto.

In provincia di Benevento 2.250 bottiglie di vino rosso e bianco Doc, Piedirosso, Aglianico del Sannio e Greco, per 1.700 litri complessivi, in quanto etichettate con indicazioni non consentite dalla vigente normativa sul vino. Comminate anche 3 sanzioni amministrative per 3.500 euro.