Caserta, partiti i lavori dell’ospedale modulare Covid

La zona e’ stata recintata e questa mattina sono arrivati gli escavatori per i lavori dei sottoservizi come tubature dell’acqua e l’alimentazione elettrica

Immagine di repertorio

Caserta – Sono partiti i lavori per il montaggio dell’ospedale modulare di Caserta che portera’ 24 posti in piu’ di terapia intensiva sul territorio.

Nei giorni scorsi e’ stata individuata l’area, a ridosso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, dove un tempo c’era il vecchio parcheggio.

La zona e’ stata recintata e questa mattina sono arrivati gli escavatori per i lavori dei sottoservizi come tubature dell’acqua e l’alimentazione elettrica, per poi passare al livellamento della base di cemento dove poggeranno le strutture modulari.

“Entro la fine della prossima settimana – spiega all’AGI il commissario straordinario dell’Aorn Caserta, Carmine Mariano – sara’ completata tutta questa fase e nell’arco di tre giorni verra’ montata la struttura per essere operativa“. L’ospedale modulare portera’ 24 terapie intensive dotate gia’ di tutti i macchinari indispensabili. I posti letto si andranno ad aggiungere gia’ ai 18 della terapia intensiva e sub intensiva del Sant’Anna e San Sebastiano.

“La nostra idea – spiega Mariano – e’ quello di avere un centro Covid fuori le mura dell’ospedale, ma dipendente dell’ospedale, in modo tale da riprendere all’interno tutte quelle attivita’ sanitarie che sono state per forza maggiore dimezzate o sospese a causa dell’emergenza“. All’interno dell’ospedale modulare operera’ il personale del Sant’Anna e San Sebastiano, ma non e’ escluso l’arrivo di altri camici bianchi nel caso in cui ce ne fosse bisogno.