Caserta. Molte attività non riapriranno, “costi alti e troppe restrizioni”

Le motivazioni sono quasi sempre le stesse "costi elevati di sanificazioni dei locali e restrizioni che limitano il corretto svolgimento dell'attività lavorativa"

Immagine di repertorio

Caserta – La nuova ordinanza del Presidente della Regione Campania permetterà alle attività commerciali di riaprire i battenti da domani 27 Aprile.

L’ordinanza regionale consente la riapertura dei locali di ristorazione solo con consegna a domicilio, oltre all’obbligo di eseguire le dovute procedure di sanificazione dei locali.

Purtroppo, però, sono tantissime le attività che hanno scelto di rimanere chiuse. Infatti, si moltiplicano in rete le comunicazioni da parte di note pizzerie, pasticcerie e bar nella provincia di Caserta, le quali annunciano ai propri clienti il proseguimento della chiusura.

Le motivazioni sono quasi sempre le stesse “costi elevati di sanificazioni dei locali e restrizioni che limitano il corretto svolgimento dell’attività lavorativa“.

Attivare un servizio di consegna a domicilio in pochi giorni non è di certo semplice, inoltre eventuali violazioni delle misure di sicurezza, anche se minime, potrebbe comportare sanzioni amministrative molto care.