Centinaia di schede telefoniche con dati falsi. Indagato titolare di un negozio

Dopo le indagini della Polizia sono scattate le denunce dei titolari, ignari, delle schede telefoniche

Immagine di repertorio

Caserta – Il titolare di un negozio di telefonia di Altopascio, in provincia di Lucca, un casertano con precedenti per spaccio, è indagato per sostituzione di persona.

L’uomo ha dovuto consegnare agli investigatori della Squadra Mobile centinaia di schede telefoniche intestate fittiziamente e altre sono state trovate dai poliziotti nel corso di una perquisizione nel suo appartamento.

Tutto parte il 30 dicembre 2019 quando due minorenni, di 14 e 11 anni, vengono fermati dai poliziotti e trovati con cacciaviti, chiavi inglesi e lastre, strumenti utili per i furti in appartamento. Dopo il controllo, gli investigatori della Squadra Mobile avviano le indagini sui cellulari trovati nelle mani dei due minorenni.

Quasi tutte le poche utenze contattate sono intestate a stranieri, tutte attivate nel negozio di Altopascio.

Ai poliziotti appare subito evidente durante la perquisizione che i contratti per l’attivazione delle schede telefoniche riportano firme false. Sono seguite, numerose, le denunce dei titolari dei dati indebitamente utilizzati.