Caserta. Noto medico finisce in carcere. Maltrattamenti e patrimonio dilapidato

Terminati gli atti di rito, il professionista e stato associato presso il carcere di S. Maria C.V.

Caserta – Nella serata di ieri 15/11/2019, la Polizia di Stato della Questura di Caserta ha arrestato N. T., medico che presta servizio presso due Ospedali, siti nel territorio della Provincia di Caserta.

Il provvedimento rappresenta l’epilogo di un’attività investigativa in esito alla quale l’arrestato è stato ritenuto gravemente indiziato di maltrattamenti in famiglia pluriaggravati, continuati, commessi dal febbraio di quest’anno a tutt’oggi.

L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile di Caserta e coordinata dal “pool” specializzato della Procura della Repubblica Sammaritana, e stata immediatamente avviata a seguito della denuncia della coniuge del professionista che, dopo l’ennesima vessazione subita, si e fatta forza e ha trovato il coraggio di segnalare la grave situazione alla Polizia di Stato.

Nel corso degli approfondimenti investigativi realizzati e emerso che il medico costringeva i familiari ad un regime di vita insostenibile fatto di privazioni, umiliazioni, sopraffazioni e vessazioni di ogni genere con aggressioni anche fisiche, talvolta estremamente violente e cruente nonché di offese, denigrazioni e privazioni anche finanziarie, senza contribuire al reddito familiare anzi, dilapidando il proprio patrimonio.

Già lo scorso 21 febbraio il medico era stato destinatario della misura dell’allontanamento dalla casa familiare per fatti analoghi; tuttavia le ripetute violazioni della predetta misura hanno determinato L’A.G. ad emettere il provvedimento carcerario. Terminati gli atti di rito, il professionista e stato associato presso il carcere di S. Maria C.V. .