Non accetta la relazione della figlia. Padre rinviato a giudizio per maltrattamenti

Atti persecutori nei confronti della figlia e lesioni alla moglie

CASAPESENNA – Un uomo è stato rinviato a giudizio dal giudice monocratico del tribunale di Napoli Nord con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Si tratta di G. P., residente a Casapesenna, responsabile, secondo l’accusa di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori nei confronti della figlia.

Alla base delle minacce la relazione della ragazza 18enne con un coetaneo, alla quale il padre era assolutamente contrario.

Dovrà rispondere inoltre di lesioni nei confronti della moglie la quale più volte si è recata dai carabinieri per sporgere denuncia. I fatti si sono consumati dal 2014 al 2017.