Accusato di estorsione ad un caseificio. Ma era ricoverato in ospedale: assolto

La richiesta di assoluzione, quindi, presentata dai difensori e avallata anche dal Pm D’Alessio della Dda è stata ritenuta corretta

Immagine di repertorio

Casal di PrincipeD.F.M., originario di Villa Literno nel 2015, si recò presso il caseificio per riscuotere un’estorsione per conto della fazione Bidognetti.

Durante la richiesta estorsiva fece il nome di Dionigi Pacifico, come rappresentante del clan e, molto probabilmente, anche per incutere maggior timore nei titolari.

Per questo, quando i titolari denunciarono il fatto, aggiunsero anche il nome di Dionigi Pacifico tra gli estorsori.

Pochi minuti fa, però, i giudici del tribunale di santa Maria Capua Vetere hanno assolto l’uomo, perché di quella richiesta di pizzo non poteva essere neanche a conoscenza, allettato com’era in una stanza d’ospedale.

Leggi:  Chiede 2 mila euro per per restituire i documenti rubati. Arrestato 27enne

La richiesta di assoluzione, quindi, presentata dai difensori e avallata anche dal Pm D’Alessio della Dda è stata ritenuta corretta.