Casal di Principe. 53 persone denunciate e 3 negozi chiusi

Tutte queste azioni repressive sono relative al mancato rispetto delle norme precauzionali tese a ridurre il contagio

Immagine di repertorio

Casal di PrincipeControlli serrati nel comune di Casal di Principe da parte delle autorità locali per verificare il rispetto delle norme anti coronavirus.

Il sindaco Renato Natale fa il punto della situazione ed elenca i numeri dei controlli effettuati in questi ultimi giorni.

I dati più interessanti riguardano il numero di persone denunciate, ben 53 (per diverse violazioni) e 3 negozi chiusi.

Cari concittadini, ad oggi non abbiamo registrato ulteriori casi positivi a Casal di Principe.

Su 37 tamponi effettuati, 7 sono risultati positivi, di cui 3 nelle stesso nucleo familiare e 30 negativi.
Dei positivi una è guarita, due sono purtroppo deceduti, gli altri sono in quarantena domiciliare e non accusano sintomi. A parte purtroppo i due decessi, complessivamente la situazione è a livelli accettabili. Questo grazie a tutti i provvedimenti adottati da parte del Governo, della Regione Campania e dell’Ente locale.

Non bisogna illudersi, dobbiamo insistere nel fare attenzione e rispettare tutte le indicazioni date, a cominciare dallo stare a casa, evitare di uscire se non per reali necessità.
Il distanziamento sociale si è rivelato il modo migliore per combattere l’epidemia e ridurre al minimo le situazioni più drammatiche.

Vi do ora alcuni dati relativi al controllo del territorio effettuato per far rispettare il divieto di assembramento e il divieto di uscire di casa senza adeguato motivo, dai Vigili Urbani e dalle altre forze dell’ordine:

Persone denunciate reato ex art 650 C.P : 9
Persone denunciate per altri reati: 1
numero verbali amministrativi : 19
diffide per quarantena: 28
persone controllate: 190
segnalazioni asl persone rientrate dal nord e dall’estero: 44
persone denunciate dai carabinieri: 43
negozi chiusi per non aver ottemperato alle norme di distanziamento sociale: 3
esercizi commerciali controllati: 57

Tutte queste azioni repressive sono relative al mancato rispetto delle norme precauzionali tese a ridurre il contagio.