GRUNO NEVANO – Locali e produzione per oltre 100.000 euro sequestrati nel corso di un servizio di controllo straordinario del territorio finalizzato a contrastare violazioni alle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e lo sfruttamento del lavoro nero.

I carabinieri della locale stazione di Grumo Nevano insieme a colleghi e a dipendenti dell’ispettorato del lavoro di napoli hanno denunciato un cingalese 28enne titolare di una ditta produttrice di giacche e pantaloni da uomo.

All’interno della sua attività produttiva sono stati trovati 12 lavoratori, di cui 7 risultati a nero; 1 era senza permesso di soggiorno.

Analizzando la documentazione è inoltre emerso che non era stato redatto il documento di valutazione dei rischi per i lavoratori e che le attrezzature non erano conformi alle norme vigenti.

Requisiti non conformi dei locali e dei macchinari in ordine a salute e sicurezza. Mancanza dei dispositivi di protezione individuali, omissione dell’invio dei lavoratori alle previste visite mediche e delle informazioni circa i rischi per la salute.

Comminate sanzioni penali e amministrative per complessivi 38.000 euro. Locale, attrezzature e capi di abbigliamento sottoposti a sequestro.