Home Caserta Documenti ed attestati falsi per fare la bidella. Denunciata donna Casertana

Documenti ed attestati falsi per fare la bidella. Denunciata donna Casertana

La donna casertana è stata denunciata alla Procura per i reati di truffa e falsità materiale in atto pubblico

Caserta – Per ottenere il contratto a tempo indeterminato in una scuola della provincia di Campobasso aveva presentato titoli e documentazione falsi.

La donna, originaria della provincia di Caserta, lavorava come bidella ma è stata scoperta dai carabinieri del capoluogo che hanno operato in sinergia con i militari di Mirabello Sannitico, in provincia di Campobasso.

La scrupolosa attività d’indagine dei militari è iniziata dopo la segnalazione del dirigente scolastico di un istituto scolastico della provincia di Campobasso, dove la donna aveva prestato servizio per un breve periodo.

Il preside aveva messo in luce delle anomalie sulla posizione contributiva della collaboratrice scolastica. Quando sono cominciati gli accertamenti, gli investigatori che hanno approfondito la storia lavorativa della donna hanno subito notato che la bidella aveva presentato un contratto della durata di circa quattro anni, non correttamente registrato, che le aveva permesso di scalare la graduatoria provinciale e aggiudicarsi il posto di lavoro ambito.

L’amministratore di un istituto paritario di Caserta non è stato in grado di fornire gli attestati richiesti nonostante risultava che avesse ricevuto alcuni pagamenti per produrre il falso contratto.

Inoltre, grazie alla collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale del Molise, i militari hanno acquisito ulteriore elementi d’indagine riuscendo a scoprire un’altra irregolarità relativa questa volta al titolo di studio della collaboratrice scolastica.

La donna casertana è stata denunciata alla Procura per i reati di truffa e falsità materiale in atto pubblico, illecito contestato anche all’amministratore dell’Istituto paritario che ha il contratto irregolare oltre al reato di favoreggiamento reale.