CAMPANIA. Maxi rissa in carcere. 7 feriti tra i detenuti

Immagine di repertorio

CAMPANIA (BENEVENTO) – Nella giornata di ieri si è verificata una maxi rissa nel carcere di Benevento, dove sette detenuti -calabresi e siciliani- con lunghe pene da scontare, si sono resi autori di una lite senza esclusione di colpi.

La rissa è nata probabilmente per futili motivi, è stata molto violenta, e solo grazie all’intervento delle guardie di sicurezza è stato possibile sedarla.

Alla fine dello “scontro” il bilancio è stato di 7 feriti, fortunatamente, in maniere non grave. Ecco la dichiarazione del segretario per la campania Emilio Fattorello:

“Ieri, nel carcere di Benevento, si è verificata una situazione di vero pericolo. I Baschi Azzurri della Polizia Penitenziaria sono stati dunque bravi a evitare gravi conseguenze. A loro va l’apprezzamento e la solidarietà del primo Sindacato della Polizia Penitenziaria, il SAPPE. Il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria adotti con tempestività urgenti provvedimenti, a cominciare dall’assumere seri provvedimenti disciplinari e penali verso i detenuti responsabili dei gravi fatti accaduti nel carcere. Già ad ottobre 2016 nel carcere di Benevento c’era stata un’altra violenta rissa tra detenuti, ma nulla è cambiato”.

Donato Capece dichiara: “E’ solamente grazie ai poliziotti penitenziari, gli eroi silenziosi del quotidiano a cui va il ringraziamento del SAPPE per quello che fanno ogni giorno, se le carceri reggono alle costanti criticità penitenziarie. Ma vanno adottati con urgenza provvedimenti per fronteggiare la violenza costante e continua che c’è nelle carceri. E’ sotto gli occhi di tutti che servono urgenti provvedimenti per frenare la spirale di tensione e violenza che ogni giorno coinvolge, loro malgrado, appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria nelle carceri campane, per adulti e minori”.