Home Cronaca Camorra nel Casertano: 3 condanne, assolto ex vicesindaco

Camorra nel Casertano: 3 condanne, assolto ex vicesindaco

Secondo l'accusa avrebbero partecipato stabilmente all’associazione camorristica denominata clan Bifone

Immagine di repertorio a scopo illustrativo

Portico di Caserta – Giungono le condanne, inflitte dalla Terza Sezione Penale del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, a carico di tre imputati accusati di “concorso in associazione camorristica”.

Su richiesta del Pubblico Ministero della D.D.A. di Napoli il dott. Luigi Landolfi sono stati inflitte: una pena di 17 anni e 6 mesi di carcere per Nicola Bifone, 62 anni di Portico di Caserta, attualmente detenuto nel carcere di Lanciano, difeso dall’avv. Stefano Vaiano e dall’avv. Francesco Liguori.

Una pena di 11 anni e 6 mesi di carcere per Antonio D’Amico, 60 anni, imprenditore di Macerata Campania difeso dall’avv. Mario Griffo ed una pena di 8 anni di carcere per Giuseppe Stabile, 56 anni, ex avvocato aversano, attualmente detenuto nel carcere di Sassari e difeso dall’avv. Alessandro Maresca.

Assolto per non aver commesso il fatto l’ex Vice Sindaco di Portico di Caserta, Pietro Vaiano, 62 anni di Portico di Caserta, difeso dagli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo la cui tesi difensiva è stata interamente sposata dal Collegio del Tribunale su conforme richiesta in sede di requisitoria dal PM Antimafia dott. Luigi Landolfi.

Secondo l’accusa avrebbero partecipato stabilmente – in concorso con i coimputati che sono stati giudicati separatamente (con rito abbreviato) Bifone Antonio, Di Caprio Giuseppina, Di Caprio Silvana – all’associazione camorristica denominata clan Bifone. Inserita a largo raggio nel clan Belforte che era operante in Macerata Campania e in Portico di Caserta e che era finalizzata al controllo delle attività economiche, al rilascio delle concessioni, alle acquisizioni di appalti, al condizionamento delle attività delle amministrazioni pubbliche