Home Cronaca Duplice omicidio di camorra: Salvatore Belforte chiede i benefici per i collaboratori...

Duplice omicidio di camorra: Salvatore Belforte chiede i benefici per i collaboratori di giustizia

Secondo la Dda Domenico Belforte sarebbe stato il mandante, Cirillo e Buttone gli esecutori, Trombetta lo specchiettista, mentre Buonanno avrebbe fornito le armi

Marcianise – E’ in corso il processo per gli omicidi di Giuseppe Farina e Giovanbattista Russo, avvenuti nella faida di camorra tra i clan Belforte e Piccolo.

Salvatore Belforte, si autoaccusò di essere il mandante e per questo motivo, il suo difensore oggi ha chiesto la concessione delle attenuanti generiche e i benefici previsti per i collaboratori di giustizia.

I due omicidi di Farina e Russo, avvenuti tra il 1992 ed il 1997, vennero decisi durante la sanguinosa guerra di camorra durata poco più di 20 anni, per il controllo del territo.

Per i due delitti il sostituto procuratore della Dda Luigi Landolfi ha chiesto l’ergastolo per Domenico Belforte; 30 anni di carcere per Pasquale Cirillo, Felice Napolitano e Gennaro Buonanno, 20 anni per Salvatore Belforte e Luigi Trombetta; 12 anni per Bruno Buttone.

Secondo la Dda Domenico Belforte sarebbe stato il mandante, Cirillo e Buttone gli esecutori, Trombetta lo specchiettista, mentre Buonanno avrebbe fornito le armi.