Benevento. Trovato il cadavere di una donna senza braccia. E’ giallo

Si indaga per rintracciare l'identità della donna e le cause della morte

AGGIORNAMENTO – E’ di Tiziana Volpe, 51 anni di Grottaminarda (Avellino), il cadavere della donna rinvenuto ieri nei pressi del fiume Ufita, nel comune di Apice (Benevento), ai confini con i comuni irpini di Montecalvo, Ariano Irpino e Melito Irpino. Il riconoscimento è avvenuto nel pomeriggio presso l’obitorio dell’ospedale “Rummo” di Benevento da parte della sorella gemella della donna morta tramite alcuni dettagli.

Il corpo di Tiziana Volpe è stato rinvenuto in avanzato stato di decomposizione e privo degli arti superiori e di un piede.

Nelle prossime ore il magistrato disporrà l’autopsia per comprendere le cause del decesso, ancora oscure visto che le condizioni del corpo non sono tali da avanzare ipotesi attendibili.

BENEVENTO – Nella giornata di oggi è stato rinvenuto il corpo di una donna, senza vita, nelle campagne di Apice, nel Beneventano al confine con l’Irpinia.

Il cadavere è in avanzato stato di decomposizione ed è stato rinvenuto sul greto del fiume Ufita, inoltre dalle prime informazioni sembrerebbe che il corpo fosse senza braccia.

A dare l’allarme una contadina che stava effettuando dei lavori nei campi della zona. Sul posto hanno effettuato un primo sopralluogo i carabinieri della stazione di Apice e della Compagnia di Benevento affiancati dai militari di Ariano e Grottaminarda.

Non si esclude che il cadavere, scoperto a pochi metri dal corso d’acqua, possa essere stato trasportato dalla corrente.

Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Benevento, Flavia Feleco, che ha affidato al medico legale gli esami autoptici per chiarire quello che al momento sembra un fitto mistero.