Beccato a spacciare sul Vialone di Caserta. Arrestato 25enne

Per tali fatti, dopo gli accertamenti di rito, il soggetto è stato dichiarato in arresto e, come disposto dal P.M. di Turno competente, è stato tradotto presso la casa circondariale di S. Maria C.V.

Immagine di repertorio

Caserta – Nella giornata di ieri, 16 aprile 2020, la Squadra Mobile della Questura di Caserta ha tratto in arresto NGUIA Jafne, venticinquenne Gambiano, senza fissa dimora e irregolare sul territorio dello Stato, poiché responsabile dei reati di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, in flagranza; nel contempo, lo straniero è stato altresì deferito per false generalità alla polizia giudiziaria e verbalizzato ai sensi della normativa in vigore in materia di contrasto alla diffusione del Coronavirus Covid-19.

Il servizio di polizia, realizzato dai “Falchi” della Squadra Mobile, nell’ambito delle consuete attività volte al contrasto del traffico e dello spaccio di stupefacenti, ha visto la sua genesi nelle informazioni apprese sul territorio circa il fatto che l’arrestato si stesse dedicando, nonostante le prescrizioni in materia di Coronavirus Covid-19, allo spaccio di stupefacenti, in particolare tra i Comuni di Caserta e San Nicola La Strada (CE).

Individuato effettivamente il soggetto presso la rotonda di San Nicola, sita lungo quel Viale Carlo III, i poliziotti si sono messi in “appostamento” fino a quando, poco dopo, hanno notato un rapidissimo scambio tra il NGUIA e un “avventore”. Così è scattato il blitz che ha permesso di bloccare e controllare il sospettato mentre ancora stringeva in mano la banconota da 20 euro che, in cambio della dose, aveva ricevuto immediatamente prima. Sottoposto a perquisizione personale, il gambiano è stato trovato in possesso di 44 “stecche” di hashish, nascoste negli slip, successivamente risultate del peso di quasi 75 grammi.

Gli ulteriori accertamenti, sviluppati a seguito dei riscontri derivati dalle impronte digitali, hanno permesso di verificare che il NGUIA annoverava a suo carico numerosi precedenti penali e di polizia, anche specifici, registrati con l’alias DIAFOUNEY Bounja.

Per tali fatti, dopo gli accertamenti di rito, il soggetto è stato dichiarato in arresto e, come disposto dal P.M. di Turno competente, è stato tradotto presso la casa circondariale di S. Maria C.V. per ivi rimanere a disposizione dell’A.G. in attesa dell’udienza di convalida.