Avvocato paga cene ed escort al giudice. Condannati entrambi

Imposto il risarcimento per le parti civili

TRENTOLA DUCENTA / FRIGNANO – Un giudice di pace, dell’ufficio di Trentola Ducenta, ed un avvocato di Frignano sono stati condannati a risarcire la Presidenza del Consiglio dei Ministri ed il Ministro della Giustizia a cui dovranno versare la somma di 50mila euro ciascuno.

I fatti risalgono al 2005 quando l’avvocato U.D.T., 59enne di Frignano, avrebbe corrotto N. G., 58enne di San Marcellino, giudice di pace e coordinatore dell’ufficio di Trentola Ducenta, con pasti al ristorante ed incontri sessuali con un escort.

Il reato è andato prescritto ma la Corte di Cassazione ha confermato le sanzioni civili disposte dalla Corte d’Appello di Roma condannandoli al pagamento del risarcimento in favore delle parti civili, Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministero della Giustizia.

La vicenda, all’epoca dei fatti, scatenò molto scalpore.