Aversa, operaio morto nel crollo. 10 persone rinviate a giudizio

AVERSA – Per la morte dell’operaio Luciano Palestra, 41 anni, di Somma Vesuviana, deceduto nel crollo del solaio nel cantiere del complesso monumentale dell’Annunziata ad Aversa, sono state rinviate a giudizio 10 persone.

Il fatto risale all’ottobre del 2015, quando nella struttura, che attualmente ospita la facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, crollò parte del solaio travolgendo ed uccidendo l’operaio Luciano Palestra.

Il Gip del Tribunale di Napoli Nord-Aversa ha rinviato a giudizio 10 persone, tra le quali:

Agostino Tizzano 35 anni, Raffaele Tizzano 39 anni, entrambi originari di Acerra ma residenti a Mariglianella e titolari della ditta Co.Res. di Venafro, Agostino Tizzano quale rappresentante legale, Salvatore Di Caprio 58 anni di Aversa e direttore dei lavori, Amedeo Frattolillo 52 anni di Casandrino, Giovanni Battista De Santis 58 anni di Ruviano, Massimo Magrone 52 anni di Lecce, Nunziante Guadagno 45 anni di Castellammare e Aniello Mocerino 46 anni di Somma Vesuviana.