Omicidio ad Aversa. Si tratterebbe di un agguato di camorra. 26enne trucidato a colpi di pistola

Si segue la pista camorristica

AVERSA – La vittima è Nicola Picone, 26 anni, detto ‘o minorenne, originario di Teverola e residente nel comune di Casaluce.

Il suo corpo è stato trovato all’interno di una Fiat Panda intorno alle 4,30 del mattino, nell’area di sosta del distributore in viale Europa, zona Aversa Nord da una pattuglia dell’Esercito Italiano impiegata nel controllo del territorio.

Era seduto al lato guidatore e sarebbe stato raggiunto dai 6 ai 10 colpi di pistola.

Nicola Picone fu arrestato in un blitz nel 2013 accusato, insieme con altri esponenti del clan Schiavone, di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

I militari stanno verificando la presenza di immagini delle telecamere di sorveglianza del distributore e in zona, le quali avrebbero potuto riprendere la scena o comunque le auto di passaggio.

La primissima ipotesi, naturalmente, è quella di un agguato in stile camorristico da inquadrare in una presunta faida interna o comunque un regolamento di conti generato da dissidi interni.