Aversa – Scoperto un detenuto che voleva introdurre un ‘micro cellulare’ in carcere occultandolo nell’ano.

E’ stato smascherato dagli agenti della polizia penitenziaria al momento della perquisizione, grazie all’utilizzo di un metal detector.

La vicenda si è verificata nella giornata di martedì presso la casa di reclusione di Aversa, in cui si trovano i detenuti per reati minori.

L’uomo, un italiano, rientrava in carcere dopo aver usufruito di un permesso premio concesso dall’autorità giudiziaria. Ora sarà sanzionato per violazione delle regole penitenziarie.