AVERSA – Continuano le indagini sull’incidente mortale avvenuto la sera del primo Giugno a via Roma nel comune di Teverola.

La vittima è un 52enne di Aversa Giovanni Sfoco, deceduto sul colpo dopo essere stato investito da una Fiat Punto guidata da un 21enne anche lui di Aversa, scappato poi al commissariato vicino per paura di essere aggredito dalla folla.

Si indaga per cercare di ricostruire i fatti, intanto nella giornata di domani si svolgerà l’autopsia sul corpo, per poi restituirlo alla famiglia. L’uomo era residente nel quartiere popolare di Aversa, proprio al confine con Teverola.

Aveva qualche precedente penale legato ad eventi di microcriminalità. I funerali si dovrebbero tenere nella giornata di martedì presso la Parrocchia di S. Giuseppe Operaio in via Filippo Saporito.

Intanto i parenti smentiscono la notizia pubblicata da alcuni giornali su una presunta rissa avvenuta presso il pronto soccorso di Aversa, tra i familiari della vittima, Giovanni Sfoco, ed i parenti di un ragazzo rimasto coinvolto in altro incidente.

La rissa è avvenuta, ma in momenti e circostanze completamente diversi per un episodio assolutamente non legato all’incidente mortale, anche perchè i familiari di Sfoco non sono mai giunti al pronto soccorso, ma sono rimasti sul luogo dell’incidente. Il corpo è rimasto a terra fino all’arrivo del magistrato e poi trasportato allo studio medico legale di Caserta, senza passare per l’ospedale di Aversa.