ATTENZIONE. Truffa del finto registro telematico imprese. Non dovete pagare

REGIONALE – In questi ultimi tempi questo tipo di truffa è arrivata anche nella provincia di Caserta. Si tratta di un raggiro vero e proprio sul quale sta indagando la guardia di Finanza.

Le segnalazioni sono tante ed arrivano da molti commercianti del casertano. Vi spieghiamo come funziona nei dettagli. Praticamente tutti coloro che aprono una partita IVA rischiano di vedersi recapitare una finta lettere dalla Camera di Commercio, con la quale si chiede il pagamento della tassa di iscrizione al registro telematico delle imprese tramite bollettino postale.

In realtà è tutto falso infatti questo tipo di bollettini, falsamente intestati intestati alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura, non esistono.

Ecco cosa si legge dal sito ufficiale della camera di commercio:

Informiamo tutti gli utenti che periodicamente, spesso in occasione dell’iscrizione al Registro delle Imprese o nel periodo di versamento del diritto annuale, vengono spediti alle imprese dei bollettini di pagamento con diciture che possono far credere di essere  stati inviati dalla Camera di Commercio o con frasi che richiamano l’obbligo di pagare quanto richiesto in quanto imprese iscritte alla Camera di Commercio (es.: casellario unico telematico imprese … rilascio certificato di adesione con codice di attribuzione..proposta di inclusione nell’elenco delle ditte….iscrizione al portale….riservato alle ditte iscritte a camera di commercio, industria, agricoltura ed artigianato (cciaa), rilascio certificato di adesione con codice di attribuzione…).

Si tratta proposte commerciale di servizi “pubblicitari” e le Camere di commercio SONO DEL TUTTO ESTRANEE a questa iniziativa; tali iniziative NON riguardano nessun adempimento della Camera di Commercio, il loro pagamento NON è obbligatorio E NON SOSTITUISCE in alcun modo il pagamento del diritto camerale dovuto per legge.

Ricordiamo a tale proposito che il diritto annuale, tributo che le imprese iscritte al Registro delle Imprese pagano annualmente, viene versato esclusivamente tramite il modello per il pagamento delle imposte sui redditi F24 e non tramite bonifico bancario o bollettino postale.

Il termine per questo pagamento coincide con quello per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Eccovi una schermata di come si presenta il bollettino:

Inoltre tutti i pagamenti alla Camera di Commercio vengono fatti attraverso gli F24 e non con bollettini postali.