76 anni di carcere per gli assenteisti del comune di Acerra

L'indagine portò ad accusare ben 61 dipendenti comunali

ACERRA – La Procura di Nola ha chiesto un totale di 76 anni di carcere per i 61 dipendenti del comune di Acerra indagati per assenteismo.

I fatti risalgono al 2013, quando gli agenti del commissariato di Polizia di Stato di Acerra, grazie alle immagini delle videocamere nascoste ed il pedinamento dei dipendenti hanno portato alla luce l’assenteismo generalizzato, colti tutti in flagranza di reato.

61 persone coinvolte, per 15 dei quali è stato chiesto un anno di reclusione, mentre per gli altri 16 mesi, accusati a vario titolo di assenteismo, di falsa attestazione e certificazioni in concorso e truffa allo Stato.

L’ufficio di procedimenti disciplinari attende la fine del processo penale di primo grado per l’eventuale sanzione.