Camorra. Arrestato Chiarolanza. Bunker in casa per droga e latitanti

Colpevole dei reati di spaccio e favoreggiamento

VILLA LITERNO – Nella mattinata odierna la Squadra Mobile di Caserta, coadiuvata da personale del Commissariato di P.S. di Chiaiano, ha proceduto al rintraccio ed all’arresto di Vincenzo Chiarolanza, di Villa Literno 56 anni, destinatario di ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli – Ufficio Esecuzioni Penali, in quanto riconosciuto colpevole del reato di favoreggiamento aggravato dall’aver agevolato una associazione di stampo mafioso.

CHIAROLANZA Vincenzo, pregiudicato per concorso esterno in associazione di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico di sostanza stupefacenti, per cui è stato condannato ad anni cinque di reclusione, è ritenuto appartenente alla cosca criminale del clan dei casalesi- fazione Bidognetti.

In particolare, le indagini hanno svelato l’esistenza, all’interno dell’abitazione di proprietà del CHIAROLANZA sita in Villa Literno, di un bunker costruito per ospitare l’eventuale latitanza di soggetti di vertice del Clan dei Casalesi. Il bunker era costituito da due piccoli vani, con il secondo occultato sotto il primo, accessibili attraverso due congegni idraulici ben occultati nel pavimento. A seguito di tale ritrovamento l’immobile era stato sottoposto a sequestro penale ed affidato in giudiziale custodia al CHIAROLANZA. Lo stesso, come emerso da successive indagini condotte dalla Squadra Mobile di Caserta e coordinate dalla DDA di Napoli, che lo vedevano al centro di una fitta rete di spaccio di stupefacenti, unitamente a Pacifico Ettore, utilizzava il citato immobile sottoposto a sequestro, vigilato stabilmente da un cittadino tunisino, per custodire sostanza stupefacente che veniva poi smerciata, per conto del Clan, nelle zone di Casal di Principe e Villa Literno. Per tale vicenda il Chiarolanza veniva tratto in arresto, nell’ottobre del 2015, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Napoli.

Il CHIAROLANZA, che attualmente era sorvegliato speciale, si era recentemente trasferito nel napoletano, ove veniva rintracciato nella prima mattina di oggi.
Dopo le rituali formalità, l’arrestato veniva associato presso il Centro Penitenziario di Napoli – Secondigliano.