Arrestato ricercato. Sfuggito al maxi blitz contro l’organizzazione delle carte di credito

Dopo gli accertamenti di rito il Cuomo è stato tratto in arresto e tradotto al carcere di Poggioreale

Immagine di repertorio

Caserta / Napoli – Il primo Luglio scorso i carabinieri del Nucleo Investigativo di Verbania, insieme a quelli del Comando Provinciale di Napoli, Caserta e Bologna, hanno eseguito 14 misure cautelari emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli.

Gli indagati sono gravemente indiziati dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione ed all’indebito utilizzo, previa attivazione con metodi fraudolenti, di carte di credito/debito di illecita provenienza.

Due persone, quel giorno, erano irreperibili e sfuggirono all’arresto. Questa notte uno di loro è stato rintracciato ed arrestato dai militari della stazione di Napoli Marianella.

Salvatore Cuomo – 39enne napoletano, considerato uno dei promotori dell’associazione per delinquere oggetto di indagine – è stato individuato dopo giorni di appostamenti e osservazioni in un’abitazione in un parco residenziale del quartiere di Miano.

Dopo gli accertamenti di rito il Cuomo è stato tratto in arresto e tradotto al carcere di Poggioreale.