Blitz dei carabinieri contro i parcheggiatori abusivi. Un arresto. Colpì un uomo con una mazza

Vasta operazione dei carabinieri di Sant'Antimo e Giugliano

SANT’ANTIMO – Un parcheggiatore abusivo arrestato dai carabinieri. Estorse 5 euro davanti ad una discoteca e colpì la vittima alla testa con una mazza da baseball.

Si tratta di un 31enne già noto alle forze dell’ordine, Angelo Maggio, arrestato dai carabinieri della tenenza di Sant’Antimo in esecuzione di un’o.c.c.c. emessa dal tribunale di Napoli Nord dopo indagini dei militari coordinate dalla locale Procura.

E’ ritenuto responsabile di estorsione, rapina e lesioni personali poiché il 20 ottobre scorso estorse 5 euro ad un uomo per lasciargli parcheggiare l’auto davanti ad una discoteca sul Corso Europa.

La vittima non se ne curò e non volle saperne di pagare perciò venne colpita alla testa con una mazza da baseball.

L’aggressione gli causò una ferita lacero contusa al capo e al labbro superiore. Ora l’arrestato è in carcere.

I militari hanno eseguito una operazione “alto impatto” durante la serata di venerdì. Gli obiettivi sono stati soprattutto i parcheggiatori abusivi, droga e guida in stato d’ebbrezza.

Sul corso europa i militari hanno denunciato un parcheggiatore abusivo recidivo: è un pregiudicato 52enne di Sant’Antimo.

Stava esercitando l’attività abusiva davanti ad una discoteca ed è stato sanzionato dai carabinieri che hanno sequestrato l’incasso.

In vie secondarie del corso europa i militari hanno sanzionato altri 10 parcheggiatori abusivi, sequestrando loro 345 euro.

Lungo le stesse strade hanno anche contestato 12 contravvenzioni al codice della strada a clienti di bar e locali che avevano parcheggiato l’auto sui marciapiedi in divieto di sosta.

2 le denunce per guida in stato d’ebbrezza: si tratta di un 24enne del luogo che si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento etilometrico e di un 27enne del luogo sorpreso alla guida di un’auto con un tasso di 0,8 grammi di alcol per litro di sangue.

Segnalati, infine, 4 assuntori di sostanze stupefacenti a cui i militari hanno sequestrato modiche quantità di marijuana e hashish.