ARRESTO DEI SINDACI DI TEVEROLA E VITULAZIO. Anche 4 persone indagate a piede libero

TEVEROLA/VITULAZIO – Nell’inchiesta che ha portato, questa mattina, all’arresto del sindaco di Teverola Dario DI MATTEO, al sindaco di Vitulazio Luigi ROMANO, all’assessore all’ecologia Antonio CATONE, e al geologo Franco Aurilio CRISCIONE, da parte degli uomini dell’arma dei carabinieri di Maddaloni, ci sono anche quattro persone indagate a piede libero.

Si tratta dell’assessore di Vitulazio Giovanna Falco, moglie di Franco Criscione, il geologo Giovanni Aurilio residente a Vitulazio, Alberto Di Nardi ex amministratore della Dhi e Giuseppe Russo, geologo di 63 anni di Santa Maria Capua Vetere.

Secondo la procura sono tutti coinvolti nel giro di tangenti e corruzione per il favoreggiamento della ditta DHi adibita alla raccolta dei rifiuti urbani nei rispettivi comuni. Entrambe le parti ottenevano reciproci vantaggi, naturalmente, a discapito della cittadinanza locale.