Prometteva posti di lavori inesistenti in cambio di soldi: arrestato 45enne di Cassino

Quando i truffati chiedevano i soldi indietro, lui li denunciava per estorsione

Immagine di repertorio

Prometteva posti di lavoro in cambio di denaro e quando la vittima della truffa capiva di essere stata imbrogliata e chiedeva indietro i soldi, lui la denunciava per estorsione.

Si tratta di un 45enne di Cassino arrestato per truffa aggravata. L’uomo si e’ presentato presso gli uffici della Squadra mobile di Frosinone per denunciare un tentativo di estorsione ai suoi danni da parte di una persona che, a suo dire, gli aveva prestato circa 3mila euro e che ne pretendeva la restituzione di 44 mila.

Qualcosa da subito non ha convinto gli investigatori e questo maldestro tentativo di liberarsi di una delle sue vittime gli si e’ ritorto contro. L’uomo ha ammesso di essere malato di gioco, condizione che lo avrebbe portato a cercare di reperire denaro in ogni modo e senza scrupoli, proprio per soddisfare la sua ludopatia.

L’indagine ha permesso di ricostruire come la vicenda sia cominciata piu’ di un anno fa e si e’ protratta fino all’ottobre scorso, periodo in cui, l’uomo, con collaudati ed articolati artifizi, ha raggirato tra le province di Frosinone, Avellino, Caserta e Isernia almeno una quindicina di giovani, approfittando del loro stato di necessita’ essendo tutti alla disperata ricerca di un lavoro.