Arrestati 18 avvocati. Maxi retata a Napoli. Falsi incidenti e 100 euro a testimonianza

Circa 2800 falsi incidenti. Le indagini sono ancora in corso

NAPOLI – Ben 49 misure cautelari, 18 avvocati finiti agli arresti domiciliari nell’ambito di una delicata indagine su una associazione finalizzata alle truffe assicurative consumate attraverso il ricorso a falsi contenziosi.

Il tutto sarebbe partito da alcune denunce presentate da altri avvocati i quali avevano notato qualcosa di strano.

In alcuni studi legali venivano architettate le procedure truffaldine per mettere in piedi falsi incidenti con la complicità di falsi testimoni con una ricompensa di circa 100 euro.

L’indagine ha preso in esame un solo anno e sono emerse 2200 procedure già iscritte a ruolo. Tra i reati contestati sono emersi anche casi di riciclaggio e autoriciclaggio attraverso società con sede a Malta.