Il 29enne di Arzano era già stato condannato per tentato omicidio

E' stato già condannato per lo stesso reato

Foto da Il Mattino

ARZANO / SANT’ARPINO – Il 29enne di Arzano, arrestato nella giornata di ieri dagli agenti del commissariato di Polizia di Aversa era stato già condannato per un altro tentato omicidio.

Si tratta di Alexis Ippolito, il quale nel 2007, all’epoca minorenne, ridusse in fin di vita un coetaneo in una discoteca di Giugliano. In quel caso venne condannato e condotto al carcere minorile di Nisida, da dove è uscito nel 2012, grazie ad una serie di sconti di pena e bonus.

Ora, invece, ha ridotto in coma il 26enne dipendente del bar Fluid di Sant’Arpino con una bottigliata alla tempia e prima di scappare ha aggredito anche il titolare.

E’ stato ripreso delle telecamere di sorveglianza installate fuori il locale, e grazie a quelle immagini è stato rintracciato ed arrestato.

E’ stato condotto in carcere su ordine del Gip del tribunale di Napoli Nord. Le indagini sono ancora in corso soprattutto per stabilire il movente di quella brutale aggressione, attualmente sconosciuta.

Foto da Il Mattino