Arrestato 29enne di Arzano per tentato omicidio. Ha ridotto in fin di vita un barista

Per qualche assurdo motivo colpisce alla testa il barista con una bottiglia di vetro

Immagine di repertorio

ARZANO / SANT’ARPINO – Nella mattinata odierna, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, il personale del Commissariato PS di Aversa (CE) ha dato esecuzione ad un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Napoli Nord.

Tale ordinanza riguarda una persona di anni 29, residente ad Arzano (NA), ritenuta responsabile del reato di tentato omicidio.

Lo scorso 2 marzo gli agenti del Commissariato PS di Aversa (CE) intervenivano all’ interno di un bar in Sant’Arpino (CE) in seguito ad un’ aggressione perpetrata nei confronti di un dipendente del bar.

In quella occasione un uomo si avvicinava al bancone del bar e, afferrando improvvisamente una bottiglia di spumante, colpiva con violenza il capo della vittima che perdeva conoscenza e, trasportata per le cure mediche in ospedale, veniva sottoposta ad un intervento chirurgico.

Le attività di indagine, condotte dai poliziotti di Aversa attraverso l’analisi dei filmati di videosorveglianza installate presso il bar e l’escussione di persone informate sui fatti, hanno consentito di raccogliere, secondo l’ipotesi accusatoria avvalorata dal GIP, gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell’ arrestato.