Fatture false e riciclaggio. Annullato l’obbligo di dimora per Antonio Conte

Il tribunale ha accolto l'istanza

VILLA DI BRIANO – Era stato coinvolto nella maxi operazione della Guardia di Finanza di Caserta ed Aversa sul giro di fatture false e riciclaggio dello scorso Marzo.

Si tratta di Antonio Conte, il quale grazie alla tesi difensiva degli avvocati Gianfranco Carbone e Pasquale Verde, ha ottenuto la revoca dell’obbligo di dimora.

Infatti venerdì scorso, l’ottava sezione del Tribunale del Riesame di Napoli ha revocato tale misura cautelare.

In quella stessa inchiesta furono eseguite 34 ordinanze, di cui 10 di custodia in carcere, 7 degli arresti domiciliari e 17 dell’obbligo di dimora, nonché sequestri preventivi di beni nella disponibilità degli indagati, per un valore di circa 35 milioni di euro.