Arrestato per una torta scambiata per droga. Annullato l’arresto di un pasticciere

La frase nell'intercettazione non nascondeva nessun codice segreto

MARCIANISE – Pietro Russo di Marcianise, incensurato, era stato arrestato perchè  intercettato nell’ambito dell’inchiesta sui traffici di droga del clan Belforte e Piccolo-Letizia.

E’ stato arrestato perchè in una telefonata, Giovanni Pontillo chiedeva di portargli una torta, ma quella frase, secondo gli inquirenti nascondeva ben altro.

Infatti credendo che fosse un codice per un quantitativo di droga è scattato il fermo.

Il Giudice delle indagini preliminari, D’Auria, ha disposto l’annullamento dell’arresto accogliendo la tesi difensiva dell’avvocato Mariano Omarto, il quale è riuscito a dimostrare che quella frase, in realtà, non nascondeva nulla di strano, anzi la conversazione si riferiva realmente ad una torta.

Sono stati presentati una serie di documenti che attestano la sua professione di pasticciere.