ALIFE – Un vero e proprio incubo per i residenti di Alife, i quali rischiano di trovare nelle tombe dei propri defunti persone completamente estranee, appartenenti ad altre famiglie, se non addirittura vuote.

E’ quanto sta emergendo dall’indagine dell’arma dei carabinieri sulla gestione del cimitero comunale. Un quadro della situazione davvero preoccupante, al quale si cerca di assegnare il responsabile, se non addirittura più colpevoli.

Intanto, nella giornata di ieri, gli uomini dell’arma hanno provveduto a sequestrare anche l’ossario, utilizzato come una sorta di discarica. Infatti sarebbero stati trovati altri sacchi neri contenenti resti umani, ai quali difficilmente si potrà dare un nome.

L’intera faccenda girerebbe attorno ai costi dello smaltimento dei rifiuti, infatti una delle piste seguite dagli inquirenti porterebbe al denaro che sarebbe dovuto essere utilizzato per la gestione, organizzazione e smaltimento dei residui. Ma naturalmente le indagini sono appena all’inizio e vige ancora uno stretto riserbo.